L’ambiente di lavoro

In questo articolo esploreremo l’ambiente di lavoro del Mac.

L’ambiente di lavoro del Mac, rinomato per la pulizia dell’interfaccia grafica, è così composto:

barra del Dock (nella parte inferiore)barra del dock

Si tratta di una barra contenente gli elementi preferiti (applicazioni, file, cartelle e cestino).

All’estrema sinistra troviamo il Finder cioè l’applicazione che gestisce i file, le cartelle ed i dischi (è analoga ad Esplora Risorse di Windows).
Per aprirla basta fare clic su di essa, poi dalla barra laterale sinistra si può accedere facilmente alle cartelle di uso comune come ad esempio Applicazioni, contenente i programmi installati nel computer.

All’estrema destra troviamo invece il Cestino contenente gli elementi non più necessari, basta trascinarli al suo interno per eliminarli, tuttavia saranno recuperabili fino a quando il Cestino non verrà svuotato.
Per eliminare definitivamente gli elementi dal Cestino tenere premuta l’icona Cestino poi fare clic su Svuota il Cestino. Provando ad eliminare un disco o volume, l’icona del Cestino cambierà in Espelli per far capire all’utente che si sta espellendo un disco e non eliminando un elemento.
nota: fino a OS X Yosemite era possibile svuotare il cestino in modalità sicura per impedire ad applicazioni specifiche il recupero dei dati presenti in esso.

Altre cose da sapere:

Le applicazioni sono divise dagli altri elementi da una linea di separazione verticale.

Facendo clic sulla linea di separazione verticale e trascinando in alto o in basso è possibile ingrandire o ridurre le dimensioni del Dock.

Per aprire un’applicazione basta fare clic su di essa, una volta aperta comparirà un puntino sotto alla sua icona.

Per ordinare le icone basta trascinare e rilasciarle nella posizione desiderata nel Dock.
nota: l’operazione non è permessa con il Finder ed il Cestino

Per aggiungere applicazioni basta aprire il Finder, poi fare clic sulla cartella Applicazioni ed infine trascinare nel Dock l’icona dell’applicazione desiderata

Per aggiungere file o cartelle basta aprire il Finder, selezionare gli elementi desiderati poi trascinarli e rilasciarli nell’area di destra del Dock

aggiungere file-cartelle al dock

 

Per rimuovere applicazioni, file o cartelle basta trascinare la relativa icona fuori dal Dock fino a che non compare la dicitura “Rimuovi”.
nota: è possibile effettuare la rimozione di elementi dal Dock senza timori poiché l’operazione elimina solo il collegamento alla risorsa e non la risorsa stessa.

rimuovere elementi dal dock

 

Facendo clic con il tasto destro su una cartella sarà possibile scegliere tra le altre cose come ordinare e visualizzare i contenuti.

visualizzare ed ordinare elementi del dock

 

Facendo clic con il tasto destro su un’applicazione sarà possibile scegliere tra le altre cose mostrare gli elementi recenti aperti con tale applicazione o decidere di farla aprire ogni volta all’accesso del Mac.

opzioni app del dock

 

 

barra dei menu (nella parte superiore):

barra dei menu

il menu mela (a sinistra) permette di accedere alle preferenze del Mac, uscire dalle app che non rispondono, spegnere, riavviare, effettuare il logout ecc.
il menu app (a sinistra) permette di visualizzare le voci di menu dell’applicazione che si sta utilizzando

il menu di stato (a destra) contiene le icone per attivare il wifi, mostrare la carica della batteria (nei Mac portatili), l’ora, l’utente connesso, spotlight per fare ricerche nel Mac ed ottenere suggerimenti, il centro notifiche ecc.
nota: in quest’area possono essere inserite ulteriori icone relative ad applicazioni ed utility

 

Per accedere alle altre app non presenti nel Dock esistono svariati metodi:

  • dal Finder (prima icona a sinistra del Dock), facendo poi clic dalla barra laterale su Applicazioni
  • dal Launchpad (icona a forma di missile), facendo poi clic sull’applicazione
  • da Spotlight (icona a forma di lente di ingrandimento in alto a destra), digitando poi il nome dell’applicazione

 

FacebookTwitterGoogle+